SECONDI (etnici). Pollo alle mandorle

2_pollo-alle-mandorleÈ tra i piatti più celebri della cucina cinese in Italia, ma non è un piatto caratteristico della tradizione gastronomica del Paese del Dragone.

Parlando del pollo alle mandorle in compagnia di Sonia, carismatica titolare del ristorante Hang Zhou, uno dei più celebri di Roma, ci rivela che “non è un piatto simbolo, ma semplicemente una delle tante ricette con il pollo, preparata soprattutto in casa, ma che piace molto agli italiani.”

E allora come prepararlo così come lo gusterebbero in Cina? Ecco una versione classica, facilmente replicabile a casa.

LA RICETTA

Ingredienti per 4 persone:

700g di petto di pollo
½ uovo
sale q.b.
vino di riso q.b.
200g di mandorle tostate
olio di semi di girasole q.b.
salsa di soia q.b.
zucchero q.b.
20g di fecola di patate
Procedimento:

Tagliare il pollo a dadini, marinarlo leggermente in una ciotola con l’uovo sbattuto, un pizzico di sale ed un goccio di vino e lasciarlo riposare per mezz’ora.

Saltare il pollo marinato e le mandorle in una padella Wok, o in alternativa, in una padella antiaderente, con un po’ di olio di semi fino al termine della cottura.

Aggiungere un po’ di acqua calda, la salsa di soia, il vino, un pizzico di sale e di zucchero ed amalgamare il tutto unendo la fecola di patate disciolta in poca acqua e mescolare bene.

2_pollo-alle-mandorle

I CONSIGLI DELL’ESPERTO

La cucina cinese è molto veloce, il primo consiglio dell’esperta è quello di “preparare la linea prima, per poi cuocere tutto velocemente, a fuoco alto”. Per avere una cottura uniforme è preferibile servirsi del wok, perché prende calore più rapidamente.

“In alternativa potete utilizzare una padella antiaderente: l’importante è riscaldarla bene prima di buttare la carne, altrimenti tende ad attaccarsi.”

In accompagnamento si serve il riso, che in Cina è presente in tutti i pasti come sostituto del pane: “il basmathi è il più classico, ma si può scegliere quello che si preferisce.” In alcune versioni della ricetta si usa anche lo zenzero, ma Sonia lo sconsiglia: “a chi piace può aggiungerlo, ma si sposa meglio con sapori più forti, come la carne di manzo o il pesce.”

Un’ultima raccomandazione: “utilizzate il vino di riso, dà un gusto inconfondibile al piatto ed esalta le materie prime utilizzate.” E cosa berci su? “per calarvi nella cultura cinese potete sorseggiare un tè o consumare una zuppa, come avviene abitualmente nel nostro paese all’ora dei pasti.”