Uno studio dimostra che anche gli intolleranti al lattosio possono mangiare il Gorgonzola

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Gorgonzola è l’unico formaggio a pasta molle del tutto privo di lattosio,  pertanto può essere tranquillamente consumato anche da chi è affetto da questa intolleranza alimentare. Ad affermarlo è il professor Mario Del Piano, specializzato in malattie dell’apparato digerente e primario, dal 1995, di Gastroenterologia presso l’ospedale “Maggiore” di Novara oltre che docente universitario  a Novara e a Torino.

A lui il Consorzio ha affidato l’incarico di coordinamento del progetto per verificare, con dati scientifici rigorosi, la totale assenza di lattosio nel Gorgonzola. La conferma è venuta dalle analisi effettuate su 19 campioni di prodotto prelevati in doppio e fatti esaminare da due diversi laboratori. Su tutti i campioni presi in esame è stata rilevata la completa assenza di lattosio.

“L’intolleranza al lattosio – spiega il professor Del Piano – è una condizione in cui il consumo di latte, latticini e alcuni tipi di formaggi, provoca una reazione non allergica ma con disturbi gastrointestinali molto fastidiosi. Se un soggetto con deficit di lattasi, condizione  che accomuna oltre il 70% della popolazione mondiale, assumesse del lattosio contenuto nel latte o nei formaggi o come additivo in altri alimenti, soffrirebbe di cattiva digestione, gonfiore addominale, borborigmi cioè rumori intestinali. E ancora: flatulenze, coliche addominali, attacchi di diarrea”.

“La colpa – prosegue il professor Mario Del Piano – è da attribuirsi alla mancanza o alla riduzione degli enzimi deputati alla digestione del lattosio, cioè dello zucchero contenuto nel latte e nei suoi derivati. In pratica l’enzima lattasi è responsabile dell’idrolisi del lattosio in glucosio e galattosio.  E’ bene ricordare che il lattosio è presente nel latte materno come unico carboidrato dell’alimentazione nella prima infanzia. Nei neonati, quindi, l’attività della lattasi è ovviamente elevata, essendo il latte il nutriente principale. Nella maggior parte delle persone – spiega ancora il professor Del Piano -  l’enzima comincia a ridursi dopo l’adolescenza e i suoi livelli sono minimi negli adulti. Il problema dell’intolleranza al lattosio è più diffuso tra gli asiatici e gli orientali, mentre gli europei e in particolar modo del Nord Europa, sono geneticamente più “resistenti”  rispetto alle altre popolazioni.”

“Molte persone – conclude il professor Del Piano -  soffrono dei disturbi indicati senza conoscerne la causa, altri sanno della loro intolleranza, ma non sanno quali formaggi possono mangiare. Il Gorgonzola, grazie alla triplice fermentazione cui è sottoposto il latte: lattica, con i lieviti e infine le muffe, è pertanto consigliabile a tutti coloro che pur avendo l’intolleranza al lattosio non vogliono rinunciare a mangiare un buon formaggio”.